Soay Cardigan e Chickadee di Quince & Co.

Diciamo che la mia queue su Ravelry ultimamente langue, ed a parte i miei modelli, nell’ultimo anno ho lavorato davvero poco o niente su modelli di altri designer. Ma una volta concluso il lavoro fatto per Trilly,  il mio ultimo scialle, mi sono rifiondata sul cardigan Soay, un modello di Gudrun Johnston, iniziato nel febbraio 2013, lasciato per mesi senza mai essere toccato nella sua bella borsa, ripreso ogni tanto tra un progetto e l’altro, e finalmente con un po’ di sprint grazie al fatto di non aver altro da fare e con estrema rilassatezza, ce l’ho fatta a finirlo proprio subito dopo Natale.

Il modello mi è piaciuto moltissimo per varie ragioni. In primis la costruzione, bottom up e la manica a sella, Gudrun è favolosa per le spiegazioni, sono molto chiare ed i pattern sono costruiti in maniera davvero intelligente. Forse la cosa più noiosa è stata rifinire tutto il giro collo e le “button band” con l’i-cord un lavoro che non finiva più, ma che mi ha dato gran soddisfazione una volta terminato.

Il fitting è perfetto. Non ho dovuto apportare nessuna modifica al modello, certo, ci tengo a precisare che non ho scelto la “taglia” corrispondente alla mia, ma quella che più mi si adattava, proprio come insegno nel corso on line Il Tuo Amico Campione.

Chickadee di Quince & Co. Yarns

Una recensione su questa lana è d’obbligo. Già dai primi tempi in cui Quince & Co. è apparsa sulla scena, ho consigliato a chi mi segue, di tenere d’occhio questa azienda americana, e a due anni e mezzo di distanza posso dire di essere stata lungimirante e di aver avuto ragione. La Chickadee è una lana 100% Americana,  con una buona qualità prezzo, che risulta molto morbida al tatto anche se ha una caratteristica “springy” (grassoccia, fluffy) ovvero si fonde pefettamente e ben si adatta al colorworks, ma ha comunque una struttura resistente ed elastica, ed una volta lavata ha una bella consistenza, non cede (grazie appunto all’elasticità della fibra). Il potere “riscaldante” è moderato, c’è da dire che ho indossato questo cardigan un paio di giorni soltanto e nella settimana più fredda dell’anno, ed il fatto che sia abbastanza scollato e con mezza manica avrà il suo impatto, certo la consiglierei vivamente per i periodi autunnali e primaverali tenendo anche conto che si tratta di un filato di grossezza di tipo “sport”. Io ho lavorato usando il ferro nr. 3,75 e la mano è risultata molto regolare. Altra cosa positiva, le matasse contengono 166 metri per 50gr. a me sono bastate 4 matasse (e me ne è avanzata mezza) per completare questo cardigan, quindi buonissima resa. Avevo comprato 5 matasse ed ora mi ritrovo ad averne una intatta ed un’altra mezza, penso che potrei usarla per fare dei guanti.

A presto!

Giusy

About bubiknits

Mom of one little boy Yarn a holic Knit & Craft designer Button's collector Obsessed knitter Stash builder Vintage lover Not scared of life events - trying to stay sane and healthy, laughing at the sun :)
This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s