Morgana e la scatola della lana

Morgana ha perso l’entusiasmo e la fiducia, si trova in una età indefinita ed è piena di dubbi sulla vita. Oggi è uscita di casa presto, ha passeggiato per le vie nascoste della città e si è imbattuta nel mercato. Ha comprato dei bottoni vintage con la scusa che ci avrebbe prima o poi fatto qualcosa, anche se in realtà ad attirarla sono stati i colori luccicanti della madreperla mischiata a caseina. 10 euro e si è portata a casa un bottino di almeno 100 bottoni. Qualcuno di questi è davvero particolare.

Peccato che di cucire ha perso la voglia, troppo complicato, troppo laborioso, non si addice al suo umore che sembra essersi perso nel limbo di pensieri ora esaltanti, ora noiosi, ora disperati, attraversa un periodo bipolare che la preoccupa un po’ e non sa se ciò è dovuto all’avanzare dell’età, alla voglia di un cambiamento che nemmeno lei sa qual’è, alla pioggia incessante dei giorni scorsi.

Ma poi girato l’angolo, ha scoperto un negozietto. Piccolo piccolo che ha attirato la sua attenzione. In vetrina una cappa di lana con un cappuccio rosso, e soffermandosi ha visto un cartello con su scritto: 70% di sconto su tutto l’assortimento Lana, misto-lana e cotone.

I ferri! Oh si i ferri… e la lana, che bei colori! Morgana è entrata nel negozio, da dietro un bancone che ha senz’altro visto giorni migliori è spuntata una signora agè, che fregandosi le mani, probabilmente infreddolite e rese storte dall’artrite, le ha chiesto gentilmente: “in cosa posso servirla?”. (Si, perchè una volta i bottegai – non ti erano “utili”, come oggi, che poi se vogliamo dirla tutta tanto utili non sono perchè ne sanno meno di te che vai a chiedere, – ti “servivano” nel senso che ti erano veramente d’aiuto, perchè oltre a darti ciò di cui avevi bisogno ti spiegavano anche come usarlo, ti davano un’accorgimento, ti aprivano un mondo).

In un attimo Morgana ha sentito la sua voce “Quella scatola li, con quei gomitoli color verde bosco, quanto costa?”

“Ah, lei ha buon occhio! E’ 70% lana di quella buona, come non ne fanno più… ed è scontata, perchè sa, ormai… mi sa che presto chiudo. Viene 15 euro… un affare sa?”

Arrivata a casa, Morgana si sente improvvisamente felice a rimirare quei gomitoli in fila con le fascette piene di simboli strani. La signora del negozio le ha regalato i ferri insieme al pacco di lana. Quanto tempo che non li prendeva in mano, ma è stato un attimo ricominciare di dritto e rovescio, proprio come da ragazzina. Ha iniziato a fare un campione, ha appuntato tutto sul quaderno, Marisa, così si chiama la bottegaia, le ha promesso di aiutarla a fare un capo su misura. E questa è la cosa più bella ed inaspettata. Morgana non lo sa… ma presto verrà rapita da un’incotrollabile passione.

 

Till Next Time, xoxo, Giusy

 

– Morgana e la scatola della Lana è un racconto inedito di Giusy Di Bella in arte Bubiknits. –

About bubiknits

Mom of one little boy Yarn a holic Knit & Craft designer Button's collector Obsessed knitter Stash builder Vintage lover Not scared of life events - trying to stay sane and healthy, laughing at the sun :)
This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s