Cosa bolle in pentola

E’ da qualche mese che non parlo molto di quello che sto combinando ultimamente, e poi con Instagram ed i vari Social sembra quasi superfluo, salvo poi renderti conto che le sole foto qualche volta non sono sufficienti a comunicare come e quanto si fa, perché magari chi legge il blog non ti segue sui social e/o viceversa.

Allora ho pensato che forse questo blog si merita di vedere anche quello che non passa per forza per i social media, anche e soprattutto si merita materiale inedito, ancora mai visto, e si merita anche di essere “scritto”.

Ormai è quasi un anno e mezzo che lavoro ad un maglione di cui ero entusiasta tantissimo quando l’ho disegnato, progettato ed avviato, ha tutta una storia e pure una bella ispirazione dietro. Ma gira e rigira è ancora là, avrei anche il fotografo ufficiale ed anche lui aspetta che mi decida a finirlo per fare finalmente le foto (chiedo perdono Sandro!). Il maglione si chiama Henrietta Maria 

Adoro le costruzioni bottom up e per questo modello ho scelto proprio questo tipo perché la lavorazione di solito scorre che è un piacere. Ed infatti sono andata spedita fino all’inizio della prima manica, dopo mi sono arenata e l’ho messo da parte perché come al solito mi sono persa in altri progetti. 

Tra questo ed il prossimo modello ci sono stati infatti i miei due scialli: Nina,Ninetta Antonia e Trilly Fairy Shawl poi mi sono accorta che nel mio armadio manca un cardigan lace e così l’ho disegnato e mi sono messa (quasi) subito al lavoro ed il dietro quasi finito. 

Si perché ho scelto la costruzione a pezzi e per le maniche invece ho in mente di farle con i ferri accorciati, staremo a vedere cosa ne esce fuori.

Dopo essermi presa qualche mese di riflessione e complice il bellissimo pomeriggio tra chiacchiere e dolcetti passato con altre fantastiche creative al mini Etsy Craft Party, dove ho potuto tirare fuori il mio sketchbook e lavorare a qualcosa che avevo incominciato qualche tempo fa. Ho terminato il template per una stampa per tessuti durante l’incontro di sabato 21 marzo ed i giorni successivi mi sono dedicata alla digitalizzazione. Ora Tea for Two è in lizza per il concorso di Spoonflower. 

Indipendentemente da come andrà il concorso la stoffa che ho disegnato sarà presto disponibile in diversi colori di fondo ed io non vedo già l’ora di averli tutti qui, per dei progetti di cucito che rimando ormai da troppo tempo.

E poi ci sono altre cose, ma non posso raccontarle tutte in un post, giusto 🙂 

Alla prossima, xoxo, Giusy aka Bubiknits

NB: Con questo post ho deciso di uscire dal tunnel del tenere “segrete” le cose a cui sto lavorando e di condividere qui anche le mie idee, le fantasie e i progetti che possono passarmi nella mente, che poi a dirla tutta è solo un’abitudine italiana quella di “non dire” e “non far vedere”…. e poi qualche giorno fa me lo ha suggerito anche la mia consueta tazza di Yogi tea con il suo:

“The sense of Life is… Share” – “Il senso della vita è… condivisione”

ed io ci voglio credere. 🙂

About bubiknits

Mom of one little boy Yarn a holic Knit & Craft designer Button's collector Obsessed knitter Stash builder Vintage lover Not scared of life events - trying to stay sane and healthy, laughing at the sun :)
This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s