All’improvviso arriva Emma (Fassio)

La seconda settimana di febbraio ricevo la consueta newsletter da Lalanalà, mi aspettavo di leggere come sempre le novità sui filati appena arrivati e dei workshop organizzati in negozio, ma quella newsletter era Speciale come non mai: infatti annunciava l’arrivo di Emma Fassio e di ben 2 giorni di workshop per la fine marzo in concomitanza alla presentazione del suo nuovo libro Cappe e Poncho edito da Corrado Tedeschi Editore.

Potevo farmi sfuggire l’occasione di incontrarla dal vivo? Assolutamente no. Anche perchè ormai lo sanno anche i muri che Emma è stata colei che ha risvegliato in me l’amore per la maglia, quando nel 2009, incinta del mio bambino, ho ripreso i ferri in mano. Avevo scoperto Ravelry da poco grazie ad un’amica con la quale condividevo progetti uncinettari, e poi li ho conosciuto la Fassio che grazie ai suoi video sui ferri circolari mi ha riaperto le porte della gioia di lavorare Velocemente (leggi metodo continental) ed Ovunque (leggi comodità di trasporto dei ferri circolari) a maglia.

ho chiamato immediatamente il negozio ed eccomi li tra le prime iscritte al corso del sabato, unico giorno in cui sarei stata libera tutto il giorno; fosse stato per me mi sarei iscritta anche al workshop del venerdì ma visto che i posti si sarebbero senz’altro esauriti in men che non si dica 1. perché Emma è molto amata e 2. perchè le fantastiche donne di Lalanalà hanno a cuore le proprie clienti e volendo accontentarle tutte; sono stata quindi “costretta” a scegliere solo un giorno anche se Fiorenza mi ha messo comunque in lista per il venerdì nel caso (hopeless) fosse rimasto  qualche posto vacante.

Ovviamente nessun posto è rimasto libero, anche se già da Venerdì dopo il workshop dello scialle Vele di Trieste, Emma avrebbe tenuto aperta al pubblico la prima presentazione dei suoi libri.

Il 27 marzo è arrivato in un baleno ed io quell’ormai famoso venerdì finito di lavorare alle 17.30 mi sono tramutata in Speedy Gonzales: passando dal calzolaio a ritirare un paio di stivali, facendo un salto a vuoto alla lavanderia che non aveva ancora pronti i giubbotti che avevo portato la settimana prima a lavare ed andando a prendere un film cartone-animato ordinato per Marco; ho avuto giusto il tempo di passare da casa a ripassare il rossetto, lasciare le borse ed uscire di nuovo approfittando della gentilezza di mia mamma che come quasi ogni venerdì mi tiene il piccolo dal dopo la scuola fino alla cena.

io ed Emma

io ed Emma

Entrata da Lalanalà ho salutato qualche vecchia amica, le mie adorate Fiorenza e Lucia, e riconosciuto dal vivo le conoscenze virtuali. Nel frattempo Emma se ne stava letteralmente accerchiata e con i suoi occhi color cerbiatto ed il sorriso bello e fresco di sempre dispensava saluti, consigli e strette di mano calorose alle presenti. E poi finalmente ci siamo incrociate ed ho potuto abbracciarla dal vivo. E’ stata una grande emozione e gioia. All’improvviso la stanchezza di una giornata di lavoro si è dissolta ed ha lasciato spazio a questo bell’incontro ed all’ammirazione verso una designer che a mio avviso è stata colei che ha rinverdito in Italia quella passione per la maglia che oggi conosciamo.

La presentazione del libro è stata una bella occasione per ammirare dal vivo i modelli proposti, che nemmeno a dirlo sono uno più bello dall’altro e ad essere sincera sono ancora più spettacolari visti dal vivo che in foto! Ne ho adocchiato più di uno che voglio fare per non parlare di quello meraviglioso che Emma ha indossato il giorno dopo durante il workshop.

La cosa bellissima di queste due giornate è stata vedere quanto naturale questa donna sa essere e quanta passione ci mette nel fare quello che fa, credo non ci sia bisogno di testimoniarlo, è proprio per questo che Emma Fassio piace tanto, è questo il segreto del suo successo che merita tutto fino all’ultima goccia. Ma come sappiamo la sola passione non basta, ovvio… ed io posso mettere la mano sul fuoco dicendo che Emma è soprattutto competente (ed io adoro chi ha competenza senza improvvisazione!) Risponde alle domande senza nicchiare e senza tergiversare, è diretta e dispensa quelli che durante il sabato abbiamo battezzato gli “Emma-Trucchi”. Il primo incontro del venerdì mi ha elettrizzata ed ispirata così tanto che di getto la sera stessa ho buttato giù lo schizzo e poi dipinto una moleskine-notebook da regalare ad Emma il giorno dopo.

 

Nella giornata di sabato abbiamo lavorato a Vento dell’Est ed è stata una giornata bella, rilassante con tanti sorrisi.

Io e Gabriella, che finalmente ci siamo trovate per la prima volta dal vivo dopo esserci virtualmente conosciute via web su Facebook, abbiamo chiacchierato fitto fitto per quasi tutto il giorno. mentre Emma sorvegliava amorevolmente il lavoro di ognuna ed ogni tanto passava a scambiare quattro chiacchiere con noi o a dare qualche buon consiglio.

 

Lungi da me esser tacciata di piaggeria, ma davvero non posso che elogiare questa ragazza metà Italiana e metà Svedese con influenze Americane. E poi ci siamo proprio prese bene anche dal vivo. Emma è stata così carina e gentile da chiedermi un’intervista sul suo blog perché era incuriosita dal design per tessuti che creo ed aveva visto passare su Instagram. Ne è venuto fuori un piacevole colloquio che puoi leggere qui.

Avrei voluto passare un po’ più di tempo insieme, a chiacchierare davanti un thè che entrambe amiamo tanto, ma un po’ per non essere invadente, un po’ per lasciare a lei stessa il tempo di riposare dopo queste due intense giornate non ho osato chiederle un tete a tete… magari la prossima volta ci si organizza prima. Quello che è certo è che mi ha lasciata con un grande entusiasmo e la consapevolezza che le cose belle accadono alle persone che hanno addosso la gioia di vivere.

Grazie quindi ad Emma, alle splendide Lucia e Fiorenza di Lalanalà, a Gabriella che mi ha affiancata per tutto il workshop facendomi sentire meno introversa del solito ed a tutte le donne che hanno partecipato a questa bella giornata! arriverci a presto!!

About bubiknits

Mom of one little boy Yarn a holic Knit & Craft designer Button's collector Obsessed knitter Stash builder Vintage lover Not scared of life events - trying to stay sane and healthy, laughing at the sun :)
This entry was posted in Blog. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s